Inail, nuove modalità di invio del registro di esposizione

L’Inail, in data 14 maggio, ha rilasciato un’implementazione al servizio telematico “Registro di esposizione” che consente anche ai datori di lavoro, non titolari di Posizione assicurativa territoriale, di trasmettere allo stesso istituto e alla Asl territorialmente competente sulla base dell’unità produttiva, i Registri di esposizione ad agenti cancerogeni, mutageni e ad agenti biologici.

Dunque, al fine di adempiere al nuovo obbligo, dalla suddetta data, i datori di lavoro del settore navigazione, agricolo e in gestione per conto dello Stato, nonché i soggetti abilitati dai datori di lavoro stessi, devono utilizzare in via esclusiva il servizio telematico “Registro di esposizione” e non può più essere impiegato lo strumento della posta certificata, come precedentemente previsto.
Nelle aree “SUPPORTO” e “Contatti” del portale INAIL è a disposizione dell’utenza il servizio “Inail risponde” per l’assistenza e il supporto nell’utilizzo dei servizi online e per approfondimenti normativi e procedurali. Nell’area “SUPPORTO” sono altresì disponibili per la consultazione le Faq e i manuali operativi dei singoli applicativi.
È, inoltre, possibile rivolgersi al contact center Inail al numero 06.6001, accessibile sia da rete fissa sia da rete mobile.
Si ricorda che, all’interno del registro devono essere iscritti i lavoratori per i quali è stato evidenziato un rischio per la salute, con indicazione, per ciascuno di essi, dell’attività svolta, dell’agente cancerogeno o mutageno utilizzato e, laddove noto, del valore dell’esposizione a detto agente. Il registro è istituito ed aggiornato dal datore di lavoro che ne cura la tenuta per il tramite del medico competente.

<!–

–>